Yamuna Forzani e la sua Utopia Queer

Un mondo in cui tutti siamo equamente liberi di mostrare chi siamo senza pregiudizi, in cui le persone possono auto-narrare i loro corpi senza binari prestabiliti.

Questo è il manifesto di Yamuna Forzani, giovane designer e attivista queer che cerca di migliorare il mondo a colpi di knitting.

Credo che Yamuna Forzani preferirebbe essere definita un’attivista queer piuttosto che una designer o un’artista.

Figura portante nella scena delle ballroom e membro della House of Commes de Garçons, Yamuna Forzani canalizza l’etica fai-da-te, radicalmente inclusiva di questa scena underground nelle sue collezioni.

Il suo abbigliamento mixa l’immaginario delle stampe Versace old-school ai rave party degli anni ’90 con un gusto street.

Dai Paesi Bassi Yamuna crea spazi e piattaforme in cui le persone possono esprimere se stessi liberamente facendo parlare di se da Londra a Parigi fino a Milano, dove abbiamo qualche amico in comune… 


Ciao Yamuna, presentati:

Ciao! mi chiamo Yamuna Forzani, sono un artista queer britannico/italiana che vive nei Paesi Bassi.

Ho studiato moda e tessuti alla Royal Academy of Art e da allora ho lavorato per crescere e realizzare il mio universo utopico che si manifesta in molti modi diversi: spettacoli di moda, mostre, workshop, serate in discoteca, incontri intimi, tea party, eventi pubblici, ecc.

Preferiresti essere chiamata un attivista queer o un designer/artista?

Puoi chiamarmi come vuoi! La mia politica e i miei valori svolgono un ruolo enorme nel mio processo creativo dalle decisioni che prendo alle persone con cui scelgo di lavorare.

I tuoi vestiti sono completamente geneder neutral. Come ti avvicini a realizzare abiti che resistono dall’essere immediatamente codificati come “maschili” o “femminili”?

Faccio vestiti per tutti i corpi, chiunque voglia indossare i miei vestiti può farlo.

Penso che alcuni dei miei pezzi abbiano forse più energia maschile o femminile, ma ciò non significa che seguono un genere.

Dovresti sentirti libero di indossare quello che vuoi sempre.

Adoro giocare con gli stereotipi di genere e mescolarli.

Il genere può essere qualcosa con cui puoi divertirti e persino spingerti oltre in modo che diventi qualcosa di ultraterreno e alieno.

Yamuna Forzani

Adoro i tuoi pezzi fatti a maglia che se osservati da lontano sono un mondo caleidoscopico di colori, ma quando li guardi da vicino puoi capirne il design e i dettagli. Com’è il tuo processo creativo?

Sono davvero una nerd e adoro esplorare con la maglieria tutte le possibilità, mantenendola il più sostenibile possibile, il che è una sfida.

Lavoro a maglia i mii tessuti nei Paesi Bassi in un laboratorio tessile, con tecnici specializzati per realizzare i miei tessuti psichedelici, mescolando filati, cotone biologico, plastica riciclata, acrilico.

Sono molto eccitata dai filati! Tutto il mio processo di progettazione inizia sempre con il disegno, la realizzazione di schizzi e quindi il trasferimento di tali disegni al computer e la loro digitalizzazione.

Cosa ti interessa della maglieria?

La cosa che amo di più del lavoro a maglia è che si allunga! I essuti che sono intrecciati o il denim ad esempio, di cui devi trovare la perfetta vestibilità ed è difficile trovare il taglio giusto perché non si allunga affatto! Invece la maglieria ha sempre un bell’aspetto.

I leggings avvolgenti, il maglione oversize. Si adatta alla maggior parte delle figure e a molti tipi di corpi. Questa è la mia cosa preferita della maglieria, che è la più indulgente.


Come ha scoperto la scena ballroom Yamuna Forzani e quando ha deciso di diventarne un punto di riferimento?

Ho scoperto le ballroom quando un membro della Kiki House of Angels è venuto a un mio video casting e ha iniziato a fare voguing.

Ero così colpita e scioccata perché avevo visto il documentario “Paris is Burning” almeno 5 volte da bambina e non sapevo che la scena delle ballroom esistesse nei Paesi Bassi o in Europa. Dopo quel momento sono stata catturata!

Il primo ballroom a cui ho mai assistito è stato nel 2016 a Rotterdam e ricordo che sudai tutto il tempo perché mi resi conto che era ciò che stavo cercando da una vita.

La stanza era così piena di amore, le persone erano consapevoli e la fiducia in se stessi a cui stavo assistendo, e che mi trasmisero, era incredibile e davvero stimolante.

Yamuna Forzani

Corpi di tutte le forme, dimensioni, sessualità, genere, etnia che vengono celebrati e rafforzati mi commuovono profondamente.

Ora sono un membro della House of Comme Des Garcons.

Quanto pensi che uno spettacolo come Pose e My House abbia contribuito a diffondere la scena delle ballroom?

Penso che questi spettacoli abbiano aiutato molto perché rappresentano la scena in modo autentico coinvolgendo, reclitandi e consultando i membri della comunità stessa.

Penso che sia importante se stai raccontando la storia di un certo gruppo di persone che le hai coinvolte in prima persona nella produzione, mia madre Twiggy Pucci Garcon è una delle coreografe di Pose!

Yamuna qual è la tua categoria preferita ai ball? 

La mia categoria preferita è la sirenetta sessuale, una categoria in cui le persone camminano e mostrano il loro sex appeal.

Penso che questa categoria sia sorprendente perché TUTTI sono sexy a modo loro, indipendentemente dalla forma o dalle dimensioni.

Vedere le persone che possiedono la loro sessualità e sensualità di fronte a centinaia di persone è la cosa più stimolante e bella del mondo per me.

Nella nostra società, se vediamo una donna che mostra la sua sessualità in pubblico, viene etichettata come una puttana. E’ così che le “femmine” reprimono la loro espressione sessuale.

Le ballroom sono spazi sicuri ed è importante che le manteniamo in questo così in modo che le persone possano sentirsi a proprio agio nell’ esprimersi in modo sessuale senza essere giudicate. È la mia categoria preferita perché mi fa sentire libera in prima persona.

Sei spesso in Italia e hai vestito alcune volte Myss Keta. Qual è il tuo legame con il nostro paese?

Vengo a Milano dal 2014, la prima volta è stata con il mio buon amico e collega designer, Eduardo Leon, perché è cresciuto lì.

Fu l’estate in cui incontrai Myss Keta, Frida del negozio Wovo, Gio’ Pastori e il resto del Motel Forlanini (collettivo artistico con base a Milano. ndg).

La comunità underground di Milano è così stimolante per me, hanno davvero un loro gusto che è molto audace e rumoroso e si collega perfettamente con l’estetica e i valori del mio design.

“Voglio vivere in un’utopia strana, in un mondo in cui le persone possono auto-narrare i loro corpi. Penso che l’evoluzione di genere sia davvero importante e che la società debba sbarazzarsi dei binari e abbracciare questo nuovo spettro “. Puoi spiegarci il tuo concetto di Utopia Queer?

Il concetto di una strana utopia descrive il mio universo fantasy: è come voglio che sia il mondo, è la sensazione di sicurezza, unità e accettazione che cerco di creare con i miei progetti e gli eventi che organizzo.

Voglio celebrare la mia comunità e coltivare spazi ed eventi in cui le persone sentono di poter essere loro stesse in modo autentico.

Il modo migliore per creare questo universo è continuare a fare dichiarazioni audaci e continuare a essere coraggiosi.

La scena ballroom mi ha insegnato ad essere impavida e glielo devo!

Yamuna Forzani
clicca qui per acquistare le mascherine di Yamuna Forzani

Tutti parlano di generderless e fluidità, ma dal tuo punto di vista pensi che un giorno questi concetti diventeranno normali per davvero e ognuno di noi sarà finalmente libero da qualsiasi giudizio?

Lo spero! Dall’inizio dell’umanità ci sono stati più di due sessi, nel corso della storia nelle diverse culture del pianeta ci sono state persone transgender che si sono poste al di fuori dei binari.

Non è un nuovo concetto ma sta diventando qualcosa di più importante nella nostra società a causa della cultura pop. Penso che ci stiamo muovendo nella giusta direzione e voglio essere ottimista per il futuro.

Chi è la tua musa ispiratrice?

M’ispira ogni singola persona che vive la sua verità ed è audace nell’esprimerla. Potrebbe essere qualcuno che vedo sulla metropolitana o qualcuno come Billy Porter che mi ispira costantemente con i suoi magnifici look da red carpet.

Cosa c’è nel futuro di Yamuna Forzani?

Il mio sogno è quello di continuare a fare esattamente quello che sto facendo oggi, ma di collaborare con più persone, vestire queer meravilgiosi, organizzare eventi e ballroom più grandi. More and more amore.