Kevin Amato il fotografo che documenta ciò che cattura la sua attenzione vivendo una vita al massimo.

Le fotografie di Kevin Amato per quasi un decennio sono apparse come contributi su magazine come Dazed & Confused, Interview e Flaunt. Kevin ha da poco concluso a New York la sua prima mostra Fuck The Gold Years presso la galleria Casa De Costa, dove sono state raccolte più di quaranta fotografie, spesso associate al mondo hip-hop e che camminano su quella sottile linea che è il confine tra arte e moda, con immagini crude non filtrate, di un’innocenza sporca. Kevin è nato a Massapequa, New York dove si è laureato alla School of Visual Arts, attualmente risiede nel Bronx, ricca fonte d’ispirazione per le sua fotografia istintiva e spontanea, che non è altro che una sorta di documentario di ciò che cattura la sua attenzione ed un suo personale modo di accogliere e vivere la vita al massimo.

Mi parli del tuo background?

Sono nato e cresciuto a New York, all’interno di una grande famiglia italiana di Brooklyn della vecchia scuola, con le cucine nel seminterrato, enormi vasi di cetrioli in salamoia e la salsa di pomodoro fatta una volta per durare tutto l’anno. Non è più così negli States. Tutto ciò richiede un apriscatole ed una produzione di massa. Fortunatamente, mio cognato è di Napoli, quando vado a trovare lui e mia sorella mi benedicono con cibo per mesi! La mia famiglia mi ha sempre sostenuto e mi ricorda di rimanere umile e riconoscente.

So che vivi nel Bronx giusto? Cosa ti piace maggiormente di quel quartiere?

La ricca storia, un paesaggio incontaminato, le nomenclature ed il senso di comunità, è un quartiere prevalentemente spagnolo, africano ed italiano. Il territorio è marcato spesso, ogni strada ha la propria entità ed identità. Alla gente non frega un cazzo ed il caos è di routine. La polizia ed i politici ne stanno alla larga, perché non c’è molto denaro e non è riconosciuto il valore. Penso che sia questo che ha tirato fuori la parte più ruvida che c’è in me.

Cosa ti ha spinto a fare fotografie?

Mio padre era un fotografo dilettante nel 1970. Ha lavorato come buttafuori al Mudd Club, l’onestà e l’energia nelle sue immagini mi hanno sempre ispirato crescendo. Mia madre proveniva da una famiglia irlandese di hustler e cantastorie. Credo che fosse naturale per me avvicinarmi a fotografia ed estetica. Mio fratello mi ha dato la mia prima macchina fotografica che aveva rubato ad una festa che una ragazza aveva fatto in casa quando eravamo bambini, ricordo che la sua famiglia era molto ricca. I miei genitori dopo essersi accorti che avevo preso la fotografia seriamente mi hanno costruito una camera oscura fatta in casa nella cantina.

Fai i casting alle persone in base ai tuoi concetti?

Scelgo le persone che hanno un look che si contraddistingue o hanno qualcosa di speciale, un tratto unico, fresco e che non sono tipicamente rappresentate nell’arte e nella moda. Il concetto è di solito il pericolo divertente…ma io non gioco i numeri. Dopo aver fatto il casting arriva il concetto che solitamente riguarda loro o noi.

Il tuo lavoro è assolutamente positivo, quasi euforico. Il lato dark di tristezza, dolore, malinconia o il dolce amaro hanno mai risuonato nel tuo lavoro?

La vita è quello che fotografo, come un fotografo di reportage. Essere presente, onesto e rivelandomi personalmente un po’ in ogni fotografia che faccio. Mi muovo dentro e fuori dalla vita di molte persone, come un nomade che a volte può portare l’oscurità. Naturalmente essere in grado di far riferimento a ricordi o momenti visivi nella mia vita può essere dolce amaro. C’è abbastanza paura e tristezza in tutto il mondo, penso ci sia sempre un modo per vedere la positività nel buio o nella tristezza. Qualcuno una volta scrisse, riferendosi al mio lavoro, che avvolgo siringhe, sesso, cazzi e fighe in una coperta d’intimità ed onestà, per quanto divertente possa sembrare mi piace crederci. Non sono un sensazionalista, sono un positivo realista. La vita dovrebbe essere vissuta senza paura ed al meglio. Abbiamo fatto in modo di essere macchine robuste.

C’è sicuramente uno spirito giovane all’interno del tuo lavoro. Le tue fotografie evocano una sensazione di gioie adolescenti, di malizia, e dissoluta sperimentazione. Vedo nel tuo lavoro innocenza e libertà, come quando da bambini, solo per puro divertimento, ci si toglie il costume e si danza in giro nudi. Che ne pensi?

Mi piace una spruzzata di dissolutezza, è un modo interessante per dirla. Ma sì, è tutto questo alla fine. L’elemento di spontaneità, un po’ di malizia, di cattiveria, spiritualità, divertimento ed esplorare gioiosamente il pericolo e l’innocenza; è il salto nella pozzanghera, il ballare nudo come un bambino, la sensazione prima del primo bacio.

Cosa guardi per trarre ispirazione?

La vita quotidiana, i viaggi in metropolitana, calpestare il pavimento di NYC, il bottino, la moda e la gente.

Uno dei tuoi progetti speciali si chiama Holiday: Italia, qual è il tuo ricordo preferito del mio paese?

Il matrimonio di mia sorella nel nord di Napoli, in una città chiamata Rotondi.

Mi racconti qualcosa della tua ultima mostra F * ck The Golden Years?

F * ck The Golden Years era qualcosa che mia nonna, Marie, diceva sempre. Ci ha lasciato l’anno scorso. Era un osso duro, sempre frenetico e divertente. Leale, amorevole, onesta, con la lingua con le radici di Brooklyn. F * ck The Golden Years era il suo modo di dire, di accogliere e vivere la vita al massimo adesso. Per essere sincero con te stesso e non lasciare mai che un giorno o i minuti ti passino davanti.

Ti sei mai messo nei guai con la legge per scattare fotografie?

Sì. Divieto d’accesso, combattimenti di strada, foto di guerriglia senza permessi obbligatori.

Molti artisti continuano a concentrarsi sui giovani mentre invecchiano, Larry Clark è un esempio, credi che continuerai a concentrarti sui giovani anche tu?

Non sono mai sicuro di ciò che viene dopo, la vita è spontanea. Credo però fortemente che il mio lavoro sarà sempre incarnano d’energia giovanile.

Nelle tue fotografie a volte sento un’oscillazione tra auto-oblio e auto-presentazione. Cerchi questi momenti particolari? Provi a ricrearli? Oppure capita in location?

È ciò che lo spettatore sceglie di vedere. Alcuni sono momenti personali, altri sono messe in scena e ci sono sempre gli errori belli che facciamo.

Essere fotografati e scattare foto è diventato una parte così imponente nella vita di tutti i giorni che non si fa più caso o viene dato per scontato, cosa ne pensi?

Sono d’accordo, ci sono così tanti talenti là fuori, ma allo stesso tempo, siamo così eccessivamente stimolati dalle immagini. Ecco perché a volte il bello è spegnere tutto ed evitare di guardare la televisione e leggere riviste a cazzo! Evitare Times Square!

Ti ricordi quali sono stati i primi oggetti che eri ossessionato di fotografare?

Lo stomaco e le ossa dell’anca, quando avevo tredici anni. A quattordici anni ho fatto un libro sullo stomaco di tutti i miei amici. Eravamo solo un mucchio di chiassosi skaters del cazzo, emo e hip-hop kids.

Ti capita mai di eccitarti durante un tuo servizio fotografico?

Oltre la mia immagine personale di amanti passati e presenti… non proprio.

Il processo di catturare la fotografia reale è eccitante, è meglio del sesso per me, con la fiducia tra il mio soggetto e me stesso.

Perché non fotografi le persone nude? C’è un feeling erotico nel tuo lavoro che lo giustificherebbe, ma allo stesso tempo credo sia meglio che tu non lo faccia. Che ne pensi?

È divertente e ludico. Chiunque può fotografare una persona nuda ed in effetti il sesso vende. A volte può essere un po’ birichino, in altri momenti un po’ spirituale, ad ogni modo noi vogliamo quello che non possiamo avere. La nudità elimina la necessità di guardare più in profondità in una fotografia, è diverso da quello previsto. Ho fotografato attori porno nudi per The Hood by Air per ShoppeStayLovely.com.

Hai un pubblico ideale in mente?

No. Il pubblico è un po’ limitante. Sono cosciente riguardo all’essere diverso, pur essendo fedele al mio stile e cuore.

Come ti descriveresti?

Piacevole, onesto e divertente, ma a volte timido.